Cosa Bisogna Sapere Prima di Cercare un Lavoro

Al giorno d’oggi, in tema di lavoro, ci sono poche certezze. Chissà quanti articoli iniziati in questo modo vi sarà capitato di leggere. E, allora, per farvela breve, noi a tutti i ragazzi che in questo momento stanno preparando gli esami di maturità, discutendo la tesi di laurea, o inviando cv a tutte le ore del giorno e della notte, vorremmo cercare di dare qualche certezza.

Ecco le cose da sapere assolutamente, per chiarire un minimo la situazione prima che vi buttiate a capofitto in qualche ennesimo e farlocco colloquio di lavoro. Poi a decidere il dà farsi, sarete voi.

La classe media è scomparsa. E questo lo saprete, ma qualcuno vi ha mai spiegato il perché? Negli ultimi vent’anni si è verificato un (progressivo e costante) abbassamento del salario medio, mentre l’inflazione, al contrario, ha subito un incremento (altrettanto progressivo e costante). Questo significa che le spese per il cibo, la casa e le bollette si stanno “mangiando” una parte sempre più consistente dei tuoi guadagni. Riuscire a risparmiare diventerà sempre più un problema. Da questo ne consegue che…

Lo stipendio tradizionale non esiste più. Quell’antica credenza secondo la quale un’azienda può permettersi di assumerti per quarant’anni, pagarti una cifra prestabilita ogni mese, e in un prestabilito giorno, è ormai passata. E tale cifra – un tempo nota come “stipendio” – era fisiologicamente destinata ad aumentare ogni tot anni di permanenza in quella determinata compagnia, beh… adesso non più così. Si è volatilizzata. E quindi oggi…

Stiamo assistendo alla nascita di una nuova era, quella del “scegli te stesso”: non esiste più il dipendente nel senso comune del termine. Non ci sono più capi che decidono quello che dovrà essere il tuo stipendio, quali saranno i tuoi benefit o le tue vacanze. Se il tuo sogno è girare un film, lo puoi fare da te, il tuo libro lo puoi pubblicare da solo, la tua start-up può essere fondata. Ogni giorno sai che devi alzarti per creare, innovare e vendere te stesso, tenendo a mente che…

In questo nuovo mondo nulla è dato per scontato e niente è per sempre, pertanto è diventato obbligatorio pianificare sempre un‘alternativa. Un piano B. Una vita di fuga. Un’altra attività. E stare bene attenti a…

Non lasciare che la tua vita professionale dipenda esclusivamente da una sola persona. Un boss. Un editore. Un finanziatore. L’unico modo che hai per aggirare questa possibile dipendenza economica è diversificare il lavoro che fai, o le persone per – e con – cui stai lavorando. In questo modo nessuno avrà il potere di farti perdere tutto semplicemente decidendo che non vuole più lavorare con te. Se dopo il quadro tracciato la tua unica voglia è piangere e disperarti, c’è un’ultima cosa che dovresti sapere…

La vera felicità non dipende dal tuo lavoro, né dal tuo stipendio. Innumerevoli studi dimostrano come non ci sia una corrispondenza scientificamente provata tra l’aumento di salario e quello della felicità. Solo il tempo libero, l’immaginazione, la libertà di esprimerti in modo creativo e personale ti regalano la vera sensazione di appagamento di cui l’essere umano ha bisogno per vivere bene.

Come Approcciarsi al Mondo del Lavoro da Neolaureati

Siamo esattamente a cavallo fra due sessioni di laurea, quella di febbraio-marzo, appena passata, e quella di luglio, ormai vicinissima. È un buon momento per dare uno sguardo al futuro lavorativo di voi giovani laureandi e neolaureati, che certamente dovete godervi un buon momento di pausa dopo le ultime fatiche universitarie, ma dovreste anche fare chiarezza su quale sia il migliore approccio al mondo del lavoro.lauree richieste walk on job

Il dato oggettivo: oggi non è affatto facile. Il passaggio dall’università al mondo del lavoro viene spesso immaginato senza soluzione di continuità, come se fosse un percorso lineare, uno scorrimento fluido. Prima forse, adesso gli ostacoli sono molti, e per affrontarli serve tanta organizzazione, una grande dose di pazienza e buona volontà, e possibilmente anche un po’ di fortuna, che proprio non guasta, ma non dipende da voi.

Generalmente chi sceglie una facoltà ha già un orientamento in mente, e il suo approccio al mondo del lavoro deve tenerne conto: se avete lavorato per raggiungere un certo obiettivo, al di là della laurea, siete ancora in corsa e dovete almeno provare a restare sul vostro tracciato. Vi ho detto che bisogna essere in grado di reinventarsi e lo confermo, ma per farlo bisogna prima aver combattuto un po’ per la scelta d’origine!

Prima ancora di leggere annunci o di proporvi spontaneamente per una posizione, il canale di ricerca da cui partire potrebbe essere l’università stessa che avete frequentato: gli uffici di Job Placement sono sempre informati su offerte di lavoro ed eventuali concorsi, e in più possono mettervi direttamente in contatto con enti e strutture di vostro interesse. A volte sono in grado di indirizzarvi a colpo sicuro, altre possono darvi qualche dritta sulle posizioni ricercate. Sfruttateli come primo step, e teneteli d’occhio anche nei mesi successivi alla laurea. Certamente un lavoro segnalato da loro sarà decisamente in linea con la vostra figura.

Il curriculum è ovviamente l’elemento base per l’approccio al mondo del lavoro e va curato al dettaglio: ne abbiamo già parlato, mettete in luce quello che vi rende diversi dagli altri. Va benissimo segnalare le vostre competenze e le vostre esperienze, così come le attività extracurriculari svolte: sapete già quanto queste ultime vengano apprezzate, e quanto concorrano a definire la vostra unicità. Ogni dettaglio può essere essenziale per la scelta di un candidato al posto di un altro.

Cercare lavoro è un lavoro, si dice: è vero, bisogna mettere in conto di spenderci davvero tanto tempo, così come bisogna aspettarsi più di una delusione. A volte la strada è davvero molto più lunga del previsto, conoscete la situazione attuale e avete presente i discorsi sulla disoccupazione giovanile; le premesse non sono ottime, ma la fortuna, volendola trovare a tutti i costi, è che partite preparati avendo già un’idea di quello che vi aspetta. Sarà dura, costerà fatica, ci saranno momenti di frustrazione anche abbastanza difficili da gestire, ma sarete pronti: armatevi di pazienza, tantissima, e tenete duro. Oggi l’approccio al mondo del lavoro è questo, ma lasciarsi abbattere non è la soluzione.

Come Diventare un Professionista dei Social Media

Social media community manager, social media strategist, social media content graphic… e potremmo andare avanti fino a stilare una lunghissima lista di social media something: professionisti (chi più chi meno) di un settore ancora lontano dal gettare le basi di una, anche minima, regolamentazione. E che forse, essendo sempre in continua evoluzione, mai riuscirà a farlo.

La sola certezza è che il web è destinato ad acquisire sempre più importanza e utilità nelle nostre vite, per questo le figure professionali legate al digitale non solo non verranno mai soppiantate da qualche cugino “smanettone”, ma entreranno a far parte di ogni ambiente di lavoro, anche al di fuori degli uffici di comunicazione. Avvocati, professori, commercialisti, ingegneri: tutti dovranno necessariamente possedere competenze tecnologiche se vorranno adeguare il loro mestiere al mondo moderno.

Risulta essere in questo modo che nascono le professioni ibride. Quelle che, in realtà, nel marketing e nella comunicazione sono già nate da un bel po’ e sono le uniche richieste dal mercato. Facciamo qualche esempio. Avete mai provato a gestire la pagina Facebook di un cliente senza l’aiuto di un grafico? Vi occupate di marketing e per il lancio di un nuovo prodotto non avete mai avuto bisogno di un addetto stampa che contattasse i media di settore? O ancora, l’azienda per cui lavorate come social media strategist ha molti rapporti con l’estero ma i profili social li aggiornate solo in italiano perché non parlate una parola d’inglese? E’ il caso di dirvelo: se avete fatto tutto da soli, o siete dei veri talenti o lo avete fatto male.

Da qui la necessità per le aziende di ricercare profili ibridi, cioè persone che sanno come utilizzare i social network ma anche come modificare una fotografia e adattarne le dimensioni alla piattaforma su cui verrà pubblicata. Grafici che, possibilmente, parlino anche un discreto italiano evitando imbarazzanti errori nei testi della brochure aziendale.
Ma si stanno affermando figure ancora più specifiche:
e-reputation manager : ha il ruolo di monitorare le opinioni degli utenti del web su una data società o un prodotto
all-line advertiser: realizza campagne pubblicitarie da destinare esclusivamente ai canali online
e-commerce specialist: si occupa di gestire il marketing e la strategia di vendita di prodotti sul web

Veniamo dunque alla questione finale: ma come fa, una sola persona, a possedere tutte queste competenze? La parola chiave è formazione. Nell’attesa che l’università italiana si adegui velocemente alle richieste provenienti del mercato del lavoro, offrendo corsi e percorsi di studio diversificati e all’avanguardia, che prevedano laboratori e lezioni pratiche, il nostro consiglio è quello di non considerarsi mai, soprattutto dopo la laurea, preparati. Ciò vale ancora di più in un settore che cambia velocemente come quello della comunicazione: non si è mai abbastanza preparati, quindi partecipate a corsi di formazione, guardate tutorial, frequentate workshop organizzati nella vostra città. Vivete sulla rete: monitoratela.

Lavorare Come Frontaliere – Vantaggi e Svantaggi da Conoscere

Il lavoro frontaliero è sempre stato considerato un eldorado da chi vive ai confini ma anche dall’opinione pubblica in generale tanto che, in passato, in molti si sono addirittura trasferiti intorno a Svizzera, San Marino, Croazia o Principato di Monaco per lavorare in paradisi fiscali e vivere con i costi della vita italiani.

Il lavoro frontaliero è sempre stato considerato un eldorado da chi vive ai confini ma anche dall’opinione pubblica in generale tanto che, in passato, in molti si sono addirittura trasferiti intorno a Svizzera, San Marino, Croazia o Principato di Monaco per lavorare in paradisi fiscali e vivere con i costi della vita italiani. Ma oggi è ancora così? La crisi ha smontato anche questa certezza o fare la spola tra uno Stato el’altro conviene ancora? Andiamo a vedere quali sono i pro e i contro, le regole del lavoro frontaliero e come è cambiato in questi anni.

GLI ITALIANI PREFERISCONO LA SVIZZERA
I frontalieri italiani sono in tutto circa 80mila, di cui 65mila in Svizzera (quasi tutti dalle province lombarde di confine: Como, Varese e Lecco), divisi tra Canton Ticino (55mila) e Canton Grigioni – Engadina (dove spesso si registrano aumenti di lavoratori stagionali nel turismo, soprattutto dalla provincia di Sondrio). Da Rimini e anche dalle Marche sono 5600 i lavoratori italiani che decidono di andare a lavorare nella Repubblica di San Marino, in forte calo rispetto al 2011. I Liguri invece preferiscono (giustamente, vista la vicinanza) la Francia, oltre i confini del Principato di Monaco dove lavorano circa 4 mila italiani (contro i 2mila in Francia). A scegliere l’Austria, tra gli italiani, sono invece in pochi, un migliaio, mentre sono in crescita quelli verso la Slovenia che a oggi sorpassano i 1500. Certo, niente rispetto al flusso opposto che è di circa 10mila
sloveni verso l’Italia, ma il trend è in aumento soprattutto da quando il Paese è entrato nell’Unione Europea e nell’Euro.

Ma la Svizzera non è solo la prima scelta per i lavoratori: è anche diventata l’Eden delle aziende italiane. Basti citare il caso di Stabio, piccolo Comune ticinese a due passi dal nostro confine: burocrazia svizzera, tasse ticinesi e manodopera italiana. È su questi tre pilastri che si fonda il suo successo. Poco più di 4mila abitanti e quasi 5mila frontalieri che fanno del Comune una sorta di azienda diffusa. Rappresentazione unica di ciò che il Canton Ticino è diventato per le aziende nostrane: un vero e proprio paradiso da raggiungere. Missione tutt’altro che impossibile, anche perché da anni piovono gli inviti. Che tradotto significa: investimenti e arricchimento tecnologico. A tutto danno dell’Italia e del Varesotto, dove si assiste a un’emorragia continua di imprese che se ne vanno oltreconfine, ma a due passi.Senza dimenticare l’aspetto fiscale. Tra dirette e indirette, le imposte a carico delle società che hanno sede in Ticino si aggirano sul 25% degli utili, mentre in Italia spesso superano il 50. In Canton Ticino gli utili delle aziende sono tassati al 9%, a cui va aggiunta un’imposta comunale che a Stabio è il 65% di quel 9, una delle più basse delle zona, che ha contribuito senza ombra di dubbio a richiamare imprese e lavoro.

DALLE TASSE AGLI STIPENDI. PRO E CONTRO
Se di numeri parliamo, non possiamo non affrontare l’argomento tasse. D’altra parte, chi decide di lavorare oltreconfine lo fa sì per motivi occupazionali, ma anche di guadagno. Come funziona il regime fiscale quindi per i frontalieri? Rinvia quasi in tutti i casi alle convenzioni fiscali bilaterali sottoscritte dagli Stati per evitare la doppia imposizione sui redditi transnazionali. Le regole e i criteri fissati variano da uno Stato all’altro. Gli accordi, infatti, possono considerare la tassazione del lavoratore frontaliero nello Stato di residenza, nello Stato del luogo di lavoro o in entrambi.
Ogni Stato, infatti, conformemente alla propria legislazione in materia, deve evitare che il reddito transnazionale sia tassato due volte (doppia imposizione) e, quindi, arrivare alla stipula delle convenzioni fiscali bilaterali. Se non esiste la convenzione o se la convenzione non evita la doppia tassazione, il lavoratore può comunque fruire del credito d’imposta per i tributi pagati all’estero. Primo punto da mettere in luce è che la situazione fiscale, ma anche previdenziale, del lavoratore frontaliero cambia a seconda del Paese estero in cui lavora.

La Svizzera, o meglio il Canton Ticino, rimane il caso emblematico del lavoro oltreconfine e applica ai lavoratori italiani due diverse forme di tassazione: a chi abita nella cosiddetta “fascia” (tutte le zone fino a 20 chilometri dal confine), le tasse vengono trattenute dallo stipendio e la Svizzera si impegna a versare il 38% di queste all’Italia per garantire al lavoratore il welfare (in particolare il sistema sanitario) in patria. A chi abita
fuori dalla fascia, le stesse imposte vengono trattenute dallo stipendio, ma il lavoratore deve pagarle anche in Italia attraverso il modello unico. Ecco perché alcuni anni fa c’è stato il boom di persone che trasferivano la residenza nei pressi del Canton Ticino. In ogni caso, in Svizzera la tassazione salariale è molto più bassa della nostra e gli stipendi molto più alti perché anche il costo della vita oltreconfine lo è.
Un esempio? «Un addetto alle vendite all’outlet Foxtown di Mendrisio, l’ultimo arrivato, con il grado più basso », spiega Carlo Maderna segretario
generale FeLSA CISL Como «percepisce 3.500 franchi lordi al mese (circa 2894 euro lordi, ndr)».

A San Marino la situazione cambia: qui tutti i lavoratori italiani sono soggetti a doppia tassazione. Anzi, dal 2011 è stata introdotta dal governo locale una tassazione aggiuntiva del 9% in più per i transfrontalieri. Ma, finora, lo Stato italiano ha garantito loro una franchigia fiscale di 6.700
euro all’anno. Ancora differente il caso del Principato di Monaco: «Paghiamo sia in Italia con il modello unico, sia a Monaco direttamente dalla busta paga», commenta Simonetta Biazzi, direttore vendite Italia per il tour operator monegasco Qcns Cruise. «Non mi ritengo avvantaggiata rispetto agli Italiani che lavorano in Italia visto la doppia tassazione e assolutamente nessun vantaggio fiscale, ma neanche svantaggiata perché a Monaco gli stipendi sono mediamente molto più alti». In tutti i tre Paesi, comunque, la media del netto salariale è di gran lunga più alta di quella degli stipendi italiani. Infine i conterranei che lavorano in Austria, Francia e Slovenia sono tassati in Italia per tutti i redditi posseduti, compresi quelli percepiti oltreconfine. Occorre tener presente, tuttavia, che i redditi che derivano dal lavoro dipendente prestato sono esclusi dalla base imponibile fino all’importo di 8mila euro all’anno. In aggiunta a tale esenzione, il frontaliero è soggetto alla normale detrazione da lavoro dipendente. Questa ammonta a 1.840 euro se il reddito è inferiore a 8mila euro. In questo modo la tassazione sul reddito prodotto all’estero scatta soltanto a partire da 16mila euro all’anno. Per i redditi di lavoro dipendente prestati all’estero in zone di frontiera è fissata una franchigia di 6.700 euro per il 2012. Franchigia ridotta rispetto agli 8mila e cinquecento euro previsti per gli anni precedenti.

La situazione previdenziale dei frontalieri varia da Paese a Paese. In Svizzera si pagano i contributi obbligatori
all’Avs, la cassa previdenziale statale del Paese e quelli, sempre obbligatori, al secondo pilastro: «Questo accade perché i contributi pagati all’AVS (Assicurazione vecchiaia e superstiti, ndr) sono solo l’11% del Ral (retribuzione annua lorda) annuo, molto meno di quelli che un italiano paga all’INPS», continua Maderna. «Quelli del secondo pilastro variano in base all’età del lavoratore». In Svizzera l’età utile per andare in pensione
è di 65 anni. Per quanto riguarda San Marino esiste un accordo tra istituti previdenziali sanmarinesi e INPS per cui la pensione verrà pagata dal nostro Istituto di Previdenza. Chi è impiegato nel Principato di Monaco paga i contributi alle due casse, Inps e monegasca, e la pensione sarà formata dalla somma delle due contribuzioni.

PRIVILEGI? FINO A UN CERTO PUNTO…
Ma i lavoratori frontalieri sono davvero dei privilegiati? Se, fino a qualche anno fa, la risposta era certamente positiva oggi le cose stanno cambiando. In Svizzera le aziende offrono ai frontalieri stipendi più bassi di quelli garantiti ai residenti: «Non essendoci i contratti collettivi», prosegue Maderna, «non ci sono tutele e le aziende possono contrattare il trattamento salariale. Inoltre in Svizzera hanno il potere di licenziare in qualunque momento senza giusta causa». E la crisi non aiuta di certo. Insomma: c’è sì più lavoro e si guadagna di più, ma mancano anche certe tutele che in Italia sembriamo ancora avere. La condizione di lavoratore frontaliero è decisamente conveniente per chi risiede in fascia, ma dipende: «Chi viene da fuori», prosegue il sindacalista, «deve pagare le tasse in entrambi i Paesi. Quindi può avere un vantaggio solo se guadagna cifre molto alte».

I lavoratori di San Marino fino alla fine del 2012 tremavano: non era ancora certo che la franchigia fiscale di 6.700 euro sarebbe stata mantenuta. Se così non fosse stato avrebbero dovuto continuare a pagare le tasse in entrambi i Paesi ma senza alcuno sgravio fiscale nel nostro e sarebbe arrivati a essere decisamente penalizzati. Ma sembra proprio che, ancora per quest’anno, i lavoratori oltreconfine riceveranno la suddetta franchigia. Qualora essa dovesse l’anno prossimo o in futuro venire depennata, il carico fiscale per i circa 5 mila frontalieri subirebbe una vigorosa impennata. Basti pensare che il lavoratore che percepisce una busta paga di 1.500 euro, nel 2013 pagherà già 1.462 euro di tasse in più. Chi invece percepisce uno stipendio di 1.800 euro, si ritroverà a dover versare 1.486 in più.

Infine, il dipendente che si vede accreditare ogni mese un compenso di 2.200 euro, dovrà sborsare ben 2.033 euro in più rispetto all’anno precedente. Inoltre il governo di San Marino impone ai frontalieri un’imposta maggiorata: «Dal 2011 è stata introdotta dal governo di San Marino una tassazione solo per i frontalieri che sono costretti a pagare il 9% in più rispetto ai residenti, noi la consideriamo una tassa etnica e stiamo cercando di combatterla», spiega Lora Parmiani della Cgil di Rimini. In più oggi i controlli sono decisamente più rigidi: anni fa chi non risiedeva nei paesi di fascia per pagare meno tasse, per esempio, vi trasferiva la residenza affittando un appartamento ma rimanendo con la famiglia nella sua città. Ora questi “escamotage” non sono più così semplici da attuare. C’è da dire poi che «i lavoratori italiani a San Marino sono dei precari», commenta Parmiani «perché a loro il contratto a tempo indeterminato non viene fatto. Questa è un’altra forma di penalizzazione: si tratta di contratti che vengono rinnovati anno dopo anno, quindi senza nessuna certezza. E ovviamente sono quelli che saltano prima mentre i Sanmarinesi sono tutti a tempo indeterminato e sono privilegiati. Anche se, per la prima volta, la crisi ha condotto anche San Marino ad avere una lista disoccupati».

OPPORTUNITÀ NEI SERVIZI E NEL TURISMO
Ma in che settori lavorano i frontalieri? In Svizzera fino a qualche anno fa il settore preponderante era quello dell’edilizia che però oggi sta subendo, come ovunque, una battuta d’arresto. Sono invece in aumento le opportunità nei servizi, nella grande distribuzione e anche nella sanità dove vengono ricercati infermieri qualificati e medici. Nel principato di Monaco continuano ad essere turismo e commercio i settori trainanti mentre nella Repubblica di San Marino i frontalieri hanno sempre lavorato nell’industria, settore che però oggi sta vivendo le prime difficoltà anche nel piccolo stato confinante con la Romagna.

E quanto alla tutela dei propri diritti, a chi si rivolgono i frontalieri? I loro sindacati, così come il loro lavoro, sono oltrefrontiera. In Svizzera il sindacato principale è l’Osct (www.ocst.com) il cui sito offre anche diverse informazioni in merito al lavoro frontaliero. Ma esistono in diversi casi accordi tra istituti locali e italiani. È il caso del Csir, un consiglio sindacale formato dai due sindacati sanmarinesi e tre italiani o del Fai (Frontalieri Autonomi Intemeli, sito internet www.frontalieri.eu) un’associazione che rappresenta e difende i lavoratori italiani a Monaco e che sta portando avanti una battaglia per garantire alcuni diritti essenziali per chi, vuoi per sfuggire a una crisi che sembra non trovare vie d’uscita vuoi per fare carriera e avere uno stipendio comunque più alto, ha deciso di varcare ogni giorno il confine.

Come Studiare in Sud Africa

Certamente il Sud Africa non rientra tra le mete comuni di chi sceglie di ultimare la propria formazione postlaurea in una nazione estera. Ciò non toglie che siano numerosi gli atenei e gli enti di formazione sudafricani che prevedono nella propria offerta formativa, master e corsi postlaurea in lingua inglese.

Per avere un’idea generale del sistema scolastico sudafricano e dei servizi a disposizione degli studenti internazionali, consigliamo di consultare il portale Study South Africa, dove, oltre ad una panoramica sulla realtà formativa di questa nazione, vengono presentati i profili dei principali atenei sudafricani.

Un ulteriore elenco di queste università è consultabile sul portale Iiepassport.org, sito dedicato agli studi internazionali dove è possibile, selezionando la nazione South Africa, trovare utili informazioni sui principali enti di formazione della nazione, oltre ai riferimenti per contattare direttamente la scuola.

Anche sul portale del motore di ricerca Search.co.za, nella sezione Education, è possibile trovare il listing delle scuole sudafricane ed il relativo link al sito istituzionale.

A garanzia dell’affidabilità degli enti di formazione sudafricani è stata creata la South African Qualifications Authority, ente fondato dal Ministero del Lavoro e dell’Educazione e avente lo scopo appunto di certificare la corrispondenza delle università e delle business school sudafricane agli standard internazionali. Sul portale è inoltre presente un elenco degli enti privati accreditati con relativa indicazione dei programmi formativi erogati e certificati.