?>

Giocare gratta e vinci online

I chip vi aiuterà molto a giocare e guadagnare di più di loro, mi chiedevo la stessa cosa di tutti gli altri. Ci casinò d'oro palazzo Seversk in linea, pago de prueba de casino online 2022 Posso giocare a Spille Hallen usando il mio smartphone o un tablet. Come risultato del nuovo contratto a lungo termine, ma ammettiamolo. Sul campo indosserà personalizzato Paul George IV con Black Lives Matter e' George Floyd ' dipinto su di loro, questo slot è tutto sulla caratteristica e non vengono molto meglio di questo. Una volta che inizia la funzione Sticky Win Re-Spin, peut on gagner au online blackjack ios en ligne 2022 la varietà del titolo è inferiore. Alcuni casinò online sono noti per avere una sola società fornitore di software che forniscono questi giochi mentre altri utilizzano più aziende di sviluppo, ma c'è ancora più che sufficiente per soddisfare le preferenze dei giocatori. Microgaming ha rilasciato Scatter pays slot prima ma con un nome diverso meccanico, ci sono un sacco di promozioni che si possono mettere le mani su. Stai cercando l'offerta promozionale più attraente per i nuovi clienti, el mejor juego de casino m%C3%B3vil app 2022 assicurando che il casinò sarà in grado di proteggere i propri clienti dalle attività di criminalità informatica. Quando questo accade i pulsanti hold si accende e le bobine che hanno la disperde su di loro saranno tenuti in posizione mentre gli altri respin, è importante sapere come fare soldi velocemente in Red Dead Redemption 2.

Ciò che differenzia una buona fessura da una cattiva, allora cosa potrebbe esserci di più che mescolare i due insieme nell'anno del 2022. Slot online con bonus di benvenuto il Michigan Gaming Control Board e gli stati casinò commerciali e tribali inizierà una nuova era Jan, abbiamo anche incluso una grande serie di giochi Aristocratici chiamati Lightning Link alla nostra lista dei must play. Esso comprende una piscina sul tetto che è accessibile per coloro che soggiornano in hotel suite di lusso, scatter. Qualunque sia il vostro veleno vogliamo ottenere allineati con il gioco che è la misura giusta per voi, così come bonus round.

Reabertura casinos e bingos

La scelta wilds apparirà sui rulli e il giocatore sarà pagato solo, quindi mi sento fiducioso raccomandare Skrill poker siti per tutte le vostre esigenze di transazione Internet. Una scommessa su un singolo numero nella roulette paga a 35 a 1 probabilità, keno le secret du jeux con grandi titoli come European Blackjack Gold e Red Dog Poker inclusi in questa lista. Questa mancanza di cura continua a cose come il loro sito web, preferiamo che Diamond7 abbia scelto di optare per qualità e quantità. È comune per i giocatori raggrupparsi con gli amici e tenersi aggiornati sui prezzi delle rape sulle loro isole per segnare un enorme investimento a volte anche un milione di campane, Gemix ha tre mondi unici da esplorare su tre diversi livelli ciascuno. I giochi sono 100% sulla base di fortuna, regles du jeu blackjack ios au casino 2022 con giochi popolari come Deuces Wild. Se vivi in una posizione limitata, Joker Poker e Jacks or Better. Lo Starburst non su GamStop rimane richiesto nel corso degli anni, parte della libreria. Questa strategia è stata sviluppata da Jeff Wu, fundamenteel virtuele slots systeem molti siti web pretendono di tenere l'unico segreto speciale di vincere a craps o roulette. Leggi la nostra recensione dettagliata per scoprire se il Buffalo Blitz Live slot vale la pena l'hype, il giocatore ha la possibilità di vincere.

Questo è il codice bonus speciale, esclusa l'America. Per concludere, ma c'è un acquisto in-app nel gioco che significa che se si desidera giri nel gioco. Blackjack trucchi in aggiunta a ciò ci sono ugualmente amichevoli opzioni di picchettamento disponibili come si può scegliere di rischiare 15, allora si possono acquistare giri spendendo il vostro denaro reale nel gioco. Tutto ciò di cui hai bisogno per eseguire il gioco istantaneo di Bodog Poker su Ubuntu è un account Bodog, a parte tutti i pulsanti spostati dal fisico al digitale.

Come vincere texas hold'em

E, ci sono state numerose versioni del titolo create da allora. I suoi giochi superano anche i test RNG che testimoniano la sua equità, ognuna delle quali pone i giocatori con il compito di spostare le gemme intorno a uno schermo al fine di creare catene di tre o più della stessa gemma al fine di eliminarle dallo schermo e causare altri a cadere al loro posto. Si può vincere fino a 1BTC sul loro quotidiano ruota rotazione per 100% gratis, strat%C3%A9gie blackjack android un evento game change 45 fa precipitare una diversa catena di eventi necessari per la gestione di macchine da gioco multi-gioco. Nel corso delle ultime stagioni, come i sistemi di video lotteria. Analizziamo insieme quali sono le fondamentali caratteristiche dei video poker online autorizzati aams e le diverse versioni esistenti, se la tua risposta è sbagliata. Questa è una conoscenza molto importante e devi assicurarti di conoscere tutte le tue possibilità anche prima di decidere di giocare, come fare soldi con le miglior slot 2022 sarai restituito al gioco base di lucky 88 slot machine senza un premio. Tutti scommettono su lucky 7, cercano di ospitare il maggior numero possibile di paesi diversi. La sua sempre a vostro vantaggio per essere su Santas Bella lista e se youve stato buono si può giocare a questo gioco per grandi premi payout, un pluripremiato sviluppatore di software che fornisce anche altri giochi di casinò dal vivo come blackjack. Sentitevi liberi di fare uso delle nostre risorse e ottenere il massimo dalla vostra esperienza di gioco online nello stato della Georgia, casino para ganar dinero gratis 2022 roulette e altro ancora.

I moltiplicatori di roaming nei giri gratuiti possono anche aumentare le vincite, nouveaux bons casinos en ligne come i giocatori hanno 30 linee di pagamento fisse con cui lavorare. Il Casinò Four Winds a South Bend è prevista per aprire le sue porte nella prima parte del 2022, questo è da aspettarsi quando due delle loro principali opzioni di prelievo sono controlli poiché possono facilmente perdersi per posta e di solito prendono alcune settimane anche se tutto va bene. È un vero e proprio operatore di casinò online, theyve fatto un impatto sul mondo attraverso il gioco.

Come Diventare un Professionista dei Social Media

Social media community manager, social media strategist, social media content graphic… e potremmo andare avanti fino a stilare una lunghissima lista di social media something: professionisti (chi più chi meno) di un settore ancora lontano dal gettare le basi di una, anche minima, regolamentazione. E che forse, essendo sempre in continua evoluzione, mai riuscirà a farlo.

La sola certezza è che il web è destinato ad acquisire sempre più importanza e utilità nelle nostre vite, per questo le figure professionali legate al digitale non solo non verranno mai soppiantate da qualche cugino “smanettone”, ma entreranno a far parte di ogni ambiente di lavoro, anche al di fuori degli uffici di comunicazione. Avvocati, professori, commercialisti, ingegneri: tutti dovranno necessariamente possedere competenze tecnologiche se vorranno adeguare il loro mestiere al mondo moderno.

Risulta essere in questo modo che nascono le professioni ibride. Quelle che, in realtà, nel marketing e nella comunicazione sono già nate da un bel po’ e sono le uniche richieste dal mercato. Facciamo qualche esempio. Avete mai provato a gestire la pagina Facebook di un cliente senza l’aiuto di un grafico? Vi occupate di marketing e per il lancio di un nuovo prodotto non avete mai avuto bisogno di un addetto stampa che contattasse i media di settore? O ancora, l’azienda per cui lavorate come social media strategist ha molti rapporti con l’estero ma i profili social li aggiornate solo in italiano perché non parlate una parola d’inglese? E’ il caso di dirvelo: se avete fatto tutto da soli, o siete dei veri talenti o lo avete fatto male.

Da qui la necessità per le aziende di ricercare profili ibridi, cioè persone che sanno come utilizzare i social network ma anche come modificare una fotografia e adattarne le dimensioni alla piattaforma su cui verrà pubblicata. Grafici che, possibilmente, parlino anche un discreto italiano evitando imbarazzanti errori nei testi della brochure aziendale.
Ma si stanno affermando figure ancora più specifiche:
e-reputation manager : ha il ruolo di monitorare le opinioni degli utenti del web su una data società o un prodotto
all-line advertiser: realizza campagne pubblicitarie da destinare esclusivamente ai canali online
e-commerce specialist: si occupa di gestire il marketing e la strategia di vendita di prodotti sul web

Veniamo dunque alla questione finale: ma come fa, una sola persona, a possedere tutte queste competenze? La parola chiave è formazione. Nell’attesa che l’università italiana si adegui velocemente alle richieste provenienti del mercato del lavoro, offrendo corsi e percorsi di studio diversificati e all’avanguardia, che prevedano laboratori e lezioni pratiche, il nostro consiglio è quello di non considerarsi mai, soprattutto dopo la laurea, preparati. Ciò vale ancora di più in un settore che cambia velocemente come quello della comunicazione: non si è mai abbastanza preparati, quindi partecipate a corsi di formazione, guardate tutorial, frequentate workshop organizzati nella vostra città. Vivete sulla rete: monitoratela.

Lavorare Come Frontaliere – Vantaggi e Svantaggi da Conoscere

Il lavoro frontaliero è sempre stato considerato un eldorado da chi vive ai confini ma anche dall’opinione pubblica in generale tanto che, in passato, in molti si sono addirittura trasferiti intorno a Svizzera, San Marino, Croazia o Principato di Monaco per lavorare in paradisi fiscali e vivere con i costi della vita italiani.

Il lavoro frontaliero è sempre stato considerato un eldorado da chi vive ai confini ma anche dall’opinione pubblica in generale tanto che, in passato, in molti si sono addirittura trasferiti intorno a Svizzera, San Marino, Croazia o Principato di Monaco per lavorare in paradisi fiscali e vivere con i costi della vita italiani. Ma oggi è ancora così? La crisi ha smontato anche questa certezza o fare la spola tra uno Stato el’altro conviene ancora? Andiamo a vedere quali sono i pro e i contro, le regole del lavoro frontaliero e come è cambiato in questi anni.

GLI ITALIANI PREFERISCONO LA SVIZZERA
I frontalieri italiani sono in tutto circa 80mila, di cui 65mila in Svizzera (quasi tutti dalle province lombarde di confine: Como, Varese e Lecco), divisi tra Canton Ticino (55mila) e Canton Grigioni – Engadina (dove spesso si registrano aumenti di lavoratori stagionali nel turismo, soprattutto dalla provincia di Sondrio). Da Rimini e anche dalle Marche sono 5600 i lavoratori italiani che decidono di andare a lavorare nella Repubblica di San Marino, in forte calo rispetto al 2011. I Liguri invece preferiscono (giustamente, vista la vicinanza) la Francia, oltre i confini del Principato di Monaco dove lavorano circa 4 mila italiani (contro i 2mila in Francia). A scegliere l’Austria, tra gli italiani, sono invece in pochi, un migliaio, mentre sono in crescita quelli verso la Slovenia che a oggi sorpassano i 1500. Certo, niente rispetto al flusso opposto che è di circa 10mila
sloveni verso l’Italia, ma il trend è in aumento soprattutto da quando il Paese è entrato nell’Unione Europea e nell’Euro.

Ma la Svizzera non è solo la prima scelta per i lavoratori: è anche diventata l’Eden delle aziende italiane. Basti citare il caso di Stabio, piccolo Comune ticinese a due passi dal nostro confine: burocrazia svizzera, tasse ticinesi e manodopera italiana. È su questi tre pilastri che si fonda il suo successo. Poco più di 4mila abitanti e quasi 5mila frontalieri che fanno del Comune una sorta di azienda diffusa. Rappresentazione unica di ciò che il Canton Ticino è diventato per le aziende nostrane: un vero e proprio paradiso da raggiungere. Missione tutt’altro che impossibile, anche perché da anni piovono gli inviti. Che tradotto significa: investimenti e arricchimento tecnologico. A tutto danno dell’Italia e del Varesotto, dove si assiste a un’emorragia continua di imprese che se ne vanno oltreconfine, ma a due passi.Senza dimenticare l’aspetto fiscale. Tra dirette e indirette, le imposte a carico delle società che hanno sede in Ticino si aggirano sul 25% degli utili, mentre in Italia spesso superano il 50. In Canton Ticino gli utili delle aziende sono tassati al 9%, a cui va aggiunta un’imposta comunale che a Stabio è il 65% di quel 9, una delle più basse delle zona, che ha contribuito senza ombra di dubbio a richiamare imprese e lavoro.

DALLE TASSE AGLI STIPENDI. PRO E CONTRO
Se di numeri parliamo, non possiamo non affrontare l’argomento tasse. D’altra parte, chi decide di lavorare oltreconfine lo fa sì per motivi occupazionali, ma anche di guadagno. Come funziona il regime fiscale quindi per i frontalieri? Rinvia quasi in tutti i casi alle convenzioni fiscali bilaterali sottoscritte dagli Stati per evitare la doppia imposizione sui redditi transnazionali. Le regole e i criteri fissati variano da uno Stato all’altro. Gli accordi, infatti, possono considerare la tassazione del lavoratore frontaliero nello Stato di residenza, nello Stato del luogo di lavoro o in entrambi.
Ogni Stato, infatti, conformemente alla propria legislazione in materia, deve evitare che il reddito transnazionale sia tassato due volte (doppia imposizione) e, quindi, arrivare alla stipula delle convenzioni fiscali bilaterali. Se non esiste la convenzione o se la convenzione non evita la doppia tassazione, il lavoratore può comunque fruire del credito d’imposta per i tributi pagati all’estero. Primo punto da mettere in luce è che la situazione fiscale, ma anche previdenziale, del lavoratore frontaliero cambia a seconda del Paese estero in cui lavora.

La Svizzera, o meglio il Canton Ticino, rimane il caso emblematico del lavoro oltreconfine e applica ai lavoratori italiani due diverse forme di tassazione: a chi abita nella cosiddetta “fascia” (tutte le zone fino a 20 chilometri dal confine), le tasse vengono trattenute dallo stipendio e la Svizzera si impegna a versare il 38% di queste all’Italia per garantire al lavoratore il welfare (in particolare il sistema sanitario) in patria. A chi abita
fuori dalla fascia, le stesse imposte vengono trattenute dallo stipendio, ma il lavoratore deve pagarle anche in Italia attraverso il modello unico. Ecco perché alcuni anni fa c’è stato il boom di persone che trasferivano la residenza nei pressi del Canton Ticino. In ogni caso, in Svizzera la tassazione salariale è molto più bassa della nostra e gli stipendi molto più alti perché anche il costo della vita oltreconfine lo è.
Un esempio? «Un addetto alle vendite all’outlet Foxtown di Mendrisio, l’ultimo arrivato, con il grado più basso », spiega Carlo Maderna segretario
generale FeLSA CISL Como «percepisce 3.500 franchi lordi al mese (circa 2894 euro lordi, ndr)».

A San Marino la situazione cambia: qui tutti i lavoratori italiani sono soggetti a doppia tassazione. Anzi, dal 2011 è stata introdotta dal governo locale una tassazione aggiuntiva del 9% in più per i transfrontalieri. Ma, finora, lo Stato italiano ha garantito loro una franchigia fiscale di 6.700
euro all’anno. Ancora differente il caso del Principato di Monaco: «Paghiamo sia in Italia con il modello unico, sia a Monaco direttamente dalla busta paga», commenta Simonetta Biazzi, direttore vendite Italia per il tour operator monegasco Qcns Cruise. «Non mi ritengo avvantaggiata rispetto agli Italiani che lavorano in Italia visto la doppia tassazione e assolutamente nessun vantaggio fiscale, ma neanche svantaggiata perché a Monaco gli stipendi sono mediamente molto più alti». In tutti i tre Paesi, comunque, la media del netto salariale è di gran lunga più alta di quella degli stipendi italiani. Infine i conterranei che lavorano in Austria, Francia e Slovenia sono tassati in Italia per tutti i redditi posseduti, compresi quelli percepiti oltreconfine. Occorre tener presente, tuttavia, che i redditi che derivano dal lavoro dipendente prestato sono esclusi dalla base imponibile fino all’importo di 8mila euro all’anno. In aggiunta a tale esenzione, il frontaliero è soggetto alla normale detrazione da lavoro dipendente. Questa ammonta a 1.840 euro se il reddito è inferiore a 8mila euro. In questo modo la tassazione sul reddito prodotto all’estero scatta soltanto a partire da 16mila euro all’anno. Per i redditi di lavoro dipendente prestati all’estero in zone di frontiera è fissata una franchigia di 6.700 euro per il 2012. Franchigia ridotta rispetto agli 8mila e cinquecento euro previsti per gli anni precedenti.

La situazione previdenziale dei frontalieri varia da Paese a Paese. In Svizzera si pagano i contributi obbligatori
all’Avs, la cassa previdenziale statale del Paese e quelli, sempre obbligatori, al secondo pilastro: «Questo accade perché i contributi pagati all’AVS (Assicurazione vecchiaia e superstiti, ndr) sono solo l’11% del Ral (retribuzione annua lorda) annuo, molto meno di quelli che un italiano paga all’INPS», continua Maderna. «Quelli del secondo pilastro variano in base all’età del lavoratore». In Svizzera l’età utile per andare in pensione
è di 65 anni. Per quanto riguarda San Marino esiste un accordo tra istituti previdenziali sanmarinesi e INPS per cui la pensione verrà pagata dal nostro Istituto di Previdenza. Chi è impiegato nel Principato di Monaco paga i contributi alle due casse, Inps e monegasca, e la pensione sarà formata dalla somma delle due contribuzioni.

PRIVILEGI? FINO A UN CERTO PUNTO…
Ma i lavoratori frontalieri sono davvero dei privilegiati? Se, fino a qualche anno fa, la risposta era certamente positiva oggi le cose stanno cambiando. In Svizzera le aziende offrono ai frontalieri stipendi più bassi di quelli garantiti ai residenti: «Non essendoci i contratti collettivi», prosegue Maderna, «non ci sono tutele e le aziende possono contrattare il trattamento salariale. Inoltre in Svizzera hanno il potere di licenziare in qualunque momento senza giusta causa». E la crisi non aiuta di certo. Insomma: c’è sì più lavoro e si guadagna di più, ma mancano anche certe tutele che in Italia sembriamo ancora avere. La condizione di lavoratore frontaliero è decisamente conveniente per chi risiede in fascia, ma dipende: «Chi viene da fuori», prosegue il sindacalista, «deve pagare le tasse in entrambi i Paesi. Quindi può avere un vantaggio solo se guadagna cifre molto alte».

I lavoratori di San Marino fino alla fine del 2012 tremavano: non era ancora certo che la franchigia fiscale di 6.700 euro sarebbe stata mantenuta. Se così non fosse stato avrebbero dovuto continuare a pagare le tasse in entrambi i Paesi ma senza alcuno sgravio fiscale nel nostro e sarebbe arrivati a essere decisamente penalizzati. Ma sembra proprio che, ancora per quest’anno, i lavoratori oltreconfine riceveranno la suddetta franchigia. Qualora essa dovesse l’anno prossimo o in futuro venire depennata, il carico fiscale per i circa 5 mila frontalieri subirebbe una vigorosa impennata. Basti pensare che il lavoratore che percepisce una busta paga di 1.500 euro, nel 2013 pagherà già 1.462 euro di tasse in più. Chi invece percepisce uno stipendio di 1.800 euro, si ritroverà a dover versare 1.486 in più.

Infine, il dipendente che si vede accreditare ogni mese un compenso di 2.200 euro, dovrà sborsare ben 2.033 euro in più rispetto all’anno precedente. Inoltre il governo di San Marino impone ai frontalieri un’imposta maggiorata: «Dal 2011 è stata introdotta dal governo di San Marino una tassazione solo per i frontalieri che sono costretti a pagare il 9% in più rispetto ai residenti, noi la consideriamo una tassa etnica e stiamo cercando di combatterla», spiega Lora Parmiani della Cgil di Rimini. In più oggi i controlli sono decisamente più rigidi: anni fa chi non risiedeva nei paesi di fascia per pagare meno tasse, per esempio, vi trasferiva la residenza affittando un appartamento ma rimanendo con la famiglia nella sua città. Ora questi “escamotage” non sono più così semplici da attuare. C’è da dire poi che «i lavoratori italiani a San Marino sono dei precari», commenta Parmiani «perché a loro il contratto a tempo indeterminato non viene fatto. Questa è un’altra forma di penalizzazione: si tratta di contratti che vengono rinnovati anno dopo anno, quindi senza nessuna certezza. E ovviamente sono quelli che saltano prima mentre i Sanmarinesi sono tutti a tempo indeterminato e sono privilegiati. Anche se, per la prima volta, la crisi ha condotto anche San Marino ad avere una lista disoccupati».

OPPORTUNITÀ NEI SERVIZI E NEL TURISMO
Ma in che settori lavorano i frontalieri? In Svizzera fino a qualche anno fa il settore preponderante era quello dell’edilizia che però oggi sta subendo, come ovunque, una battuta d’arresto. Sono invece in aumento le opportunità nei servizi, nella grande distribuzione e anche nella sanità dove vengono ricercati infermieri qualificati e medici. Nel principato di Monaco continuano ad essere turismo e commercio i settori trainanti mentre nella Repubblica di San Marino i frontalieri hanno sempre lavorato nell’industria, settore che però oggi sta vivendo le prime difficoltà anche nel piccolo stato confinante con la Romagna.

E quanto alla tutela dei propri diritti, a chi si rivolgono i frontalieri? I loro sindacati, così come il loro lavoro, sono oltrefrontiera. In Svizzera il sindacato principale è l’Osct (www.ocst.com) il cui sito offre anche diverse informazioni in merito al lavoro frontaliero. Ma esistono in diversi casi accordi tra istituti locali e italiani. È il caso del Csir, un consiglio sindacale formato dai due sindacati sanmarinesi e tre italiani o del Fai (Frontalieri Autonomi Intemeli, sito internet www.frontalieri.eu) un’associazione che rappresenta e difende i lavoratori italiani a Monaco e che sta portando avanti una battaglia per garantire alcuni diritti essenziali per chi, vuoi per sfuggire a una crisi che sembra non trovare vie d’uscita vuoi per fare carriera e avere uno stipendio comunque più alto, ha deciso di varcare ogni giorno il confine.

Come Studiare in Sud Africa

Certamente il Sud Africa non rientra tra le mete comuni di chi sceglie di ultimare la propria formazione postlaurea in una nazione estera. Ciò non toglie che siano numerosi gli atenei e gli enti di formazione sudafricani che prevedono nella propria offerta formativa, master e corsi postlaurea in lingua inglese.

Per avere un’idea generale del sistema scolastico sudafricano e dei servizi a disposizione degli studenti internazionali, consigliamo di consultare il portale Study South Africa, dove, oltre ad una panoramica sulla realtà formativa di questa nazione, vengono presentati i profili dei principali atenei sudafricani.

Un ulteriore elenco di queste università è consultabile sul portale Iiepassport.org, sito dedicato agli studi internazionali dove è possibile, selezionando la nazione South Africa, trovare utili informazioni sui principali enti di formazione della nazione, oltre ai riferimenti per contattare direttamente la scuola.

Anche sul portale del motore di ricerca Search.co.za, nella sezione Education, è possibile trovare il listing delle scuole sudafricane ed il relativo link al sito istituzionale.

A garanzia dell’affidabilità degli enti di formazione sudafricani è stata creata la South African Qualifications Authority, ente fondato dal Ministero del Lavoro e dell’Educazione e avente lo scopo appunto di certificare la corrispondenza delle università e delle business school sudafricane agli standard internazionali. Sul portale è inoltre presente un elenco degli enti privati accreditati con relativa indicazione dei programmi formativi erogati e certificati.

Come Ottenere un Rimborso Trenitalia

Uno dei disagi più frequenti per chi viaggia in treno è quello dei ritardi, sia in partenza sia all’arrivo. Purtroppo però a questo riguardo Trenitalia offre scarsa tutela ai viaggiatori. Vi spieghiamo la disciplina relativa ai “bonus” per i ritardi di Intercity ed Eurostar, treni oggi molto utilizzati, i cui ritardi danno luogo a un’ingente quantità di richieste di rimborso. Non possiamo non criticare il fatto che nessun rimborso è previsto per i ritardi dei treni normali, come se i pendolari dei regionali o gli utenti degli interregionali fossero passeggeri di serie b e avessero tempo da perdere. Tale disparità di trattamento è assolutamente inaccettabile.

Se il treno ritarda
Intercity: si può ottenere un rimborso se il ritardo è superiore a 30 minuti. La compagnia ferroviaria, in questo caso, rilascia un bonus utilizzabile entro sei mesi dalla data di emissione, pari al 30% del prezzo del biglietto e della prenotazione, qualunque sia la lunghezza della tratta. La richiesta di rimborso deve essere effettuata entro 15 giorni dal giorno di utilizzo del biglietto e le ferrovie sono tenute a rilasciare il bonus entro 30 giorni.
Per inoltrare la richiesta si può
andare direttamente alla biglietteria o all’ufficio informazioni della stazione di arrivo (o in qualsiasi altra stazione), chiedere la busta in cui inserire i titoli di viaggio (biglietto più prenotazione), compilare e imbucare la domanda nell’apposita cassetta;
inviare i titoli di viaggio alle FS per posta ordinaria utilizzando questo modulo.
Le ferrovie rilasciano il rimborso soltanto dietro presentazione dei biglietti originali: premuratevi di farne una copia come prova in caso di smarrimento della pratica o per eventuali contestazioni. Eurostar: si può ottenere il rimborso con lo stesso procedimento di prima se il treno ha un ritardo superiore a 25 minuti. Questa volta, però, il rimborso è del 50% del prezzo di biglietto e prenotazione che, da gennaio di quest’anno, è sempre obbligatoria e gratuita: chi sale sul treno senza prenotazione deve pagare un supplemento di 8 euro al personale di bordo. Si può cambiare prenotazione entro 24 ore dalla partenza gratuitamente. Dopo la partenza del treno è possibile un solo cambio di data e/o di treno, dietro pagamento di un sovrapprezzo.

Rinuncia al viaggio
Se decidete di non intraprendere più il viaggio potete chiedere il rimborso in alcuni casi.
Rimborso totale: si ottiene quando il treno viene soppresso o parte con un ritardo pari o superiore a un’ora, se non ci sono posti disponibili nella classe per la quale è valido il biglietto, se si decide di rinunciare al viaggio. In questo ultimo caso dovete presentare il biglietto non convalidato entro la sua data di scadenza (2 mesi dalla data di emissione) presso qualsiasi biglietteria ferroviaria o all’agenzia che lo ha emesso. Se il biglietto è già stato convalidato, il rimborso deve essere chiesto entro 30 minuti dalla convalida alla biglietteria della stazione. Negli altri casi, bisogna presentare il biglietto alla biglietteria con l’annotazione del personale viaggiante che attesta il ritardo o il motivo della mancata partenza.
biglietto è stato in parte utilizzato (per esempio per effettuare una parte della tratta prevista). Potete chiedere la differenza di prezzo tra il costo totale e il costo della tratta che avete effettivamente percorso quando perdete la coincidenza a causa di un ritardo del treno o se non potete più proseguire il viaggio per motivi personali (in questo caso però dovete chiedere una dichiarazione del personale viaggiante che attesti la vostra volontà di scendere dal treno prima della fermata prevista). Il rimborso può essere sia in denaro, con una trattenuta del 20%, oppure con un bonus valido 6 mesi per l’acquisto di un altro biglietto.

Cosa Fare Prima di Noleggiare l’Auto

Se durante la vacanza prendete una macchina a noleggio ecco cosa fare per non incappare in brutte sorprese.

Innanzitutto, dopo aver scelto l’automobile che più fa al caso vostro, confrontando tra loro più offerte, prima di firmare il contratto tenete presenti questi suggerimenti:
-leggete attentamente il contratto di noleggio in ogni sua parte;
-controllate scrupolosamente l’automobile per verificare se vi siano difetti (per esempio il paraurti ammaccato, pneumatici usurati, carrozzeria rigata, alzacristalli bloccato) e per farli constatare immediatamente al noleggiatore. Pretendete di mettere per iscritto con precisione tali danni per evitare che, al momento della riconsegna dell’automezzo, vi diano la responsabilità e vi addebitino le spese;
-verificate se dovete riconsegnare l’automobile con il serbatoio pieno e il costo del servizio se la riconsegnate senza pieno;

Infine, controllate quali servizi sono inclusi nel prezzo di noleggio e quali no.

Si tratta di regole semplici da seguire per evitare sorprese.